Recensioni - PAOLO NAVALE
316
page-template-default,page,page-id-316,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Recensioni

  • Francesca Baboni Alle radici dell’essere Colui al quale la natura comincia a svelare il suo segreto manifesto, sente irresistibile nostalgia per la più degna interprete di essa, l’arte. W. Goethe Intervista col vuoto: Londra. 1984/5, 1986, 1989, 1991. Materiali usati: un diapason, tessuto di bisso Leggi tutto...

  • Giorgio Pellegrini “ Dada voleva distruggere l’arte, come parte di un mondo che aveva voluto la Grande Guerra. Dada rifiutava quel mondo. Warhol e gli artisti Pop non volevano distruggere o rivoluzionare un bel niente, men che meno il mondo. Al contrario. Io accettavano, lo Leggi tutto...

  • Gianfranco Parmiggiani Boom dell’estetica “surrazionale” Sparpagliano topi-slogan non per schifare ma a mo’ di richiamo per la curiosità dei passanti ma nulla hanno a che vedere con le performance dei neo-futuristi; si ritrovano, un po’ di nascosto, nelle segrete degli atelier di periferia ma non Leggi tutto...

  • Luca Beatrice Non si può raccontare la storia geografica di Paolo Navale come quella di un italiano in terra straniera, né tanto meno sarebbe corretto trarre conclusioni semplicistiche parlando genericamente di cosmopolitismo. La riduzione delle distanze rende oggi superflua ogni congettura sull’identificazione territoriale. Il senso Leggi tutto...