26) Emma Durant: sul Surrazionale. 2002 - PAOLO NAVALE
664
post-template-default,single,single-post,postid-664,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

26) Emma Durant: sul Surrazionale. 2002

26) Emma Durant: sul Surrazionale. 2002

Paolo Navale: … no, non esiste diverbio… e non è tacito, se n’è parlato, anni fa con Hans, ma del termine come movimento non mi piace nemmeno il suono. L’idea poi è già da anni direi, incastonata tra le gemme del surrazionale attuativo, che lo ricordo… essendo prossimo alla condivisione tale concetto già in sé contiene i principi cristiani in senso lato (della santità atea insita in ognuno di noi e in ognuno di noi ormai perduta, scialacquata dall’io),  il messaggio universale è umanista e come già ho detto ad Hamburgo, la sua capacità di resurrezione, può avvenire solo tramite il sacrificio, la compassione per gli altri, ed il distacco dal mondano.

Paolo Navale: colloquio con Emma Durant, Roland Dale e Hans Leheman, Berlino 2002.