11) Andreas Bower: sul Surrazionale. 1986 - PAOLO NAVALE
549
post-template-default,single,single-post,postid-549,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

11) Andreas Bower: sul Surrazionale. 1986

11) Andreas Bower: sul Surrazionale. 1986

Andreas Bower, sul numenale: “Come gli uccelli non lasciano orme nell’aria, la sua mente non si aggrappa alle tentazioni che le si offrono. La sua rotta è lo stato di liberazione senza tracce, invisibile agli altri.” Dhammapada. Strofa 92.

Risponde Ian Sach:  … nume eterico, l’animo surrazionale è lo spirito della ragione. Ethereal light, mug, the stag… (the mug!), the fag… guanta-shag’u llo. There’s a surrational soul that acts as the spirit above reason. Tale è il maestro da tempo, in incognito (il messia delle ciotole di calcite), che nel più silente anonimato è un vero apostata.

Andreas Bower, Ian Sach e Paolo Navale: Highgate Village, studio dell’artista 1986.  (Da note sparse ).