10) Sue Liin: sul Surrazionale. 1985 - PAOLO NAVALE
547
post-template-default,single,single-post,postid-547,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

10) Sue Liin: sul Surrazionale. 1985

10) Sue Liin: sul Surrazionale. 1985

Sue Liin: il Surrazionale come esplicazione della realtà spazio-temporale?

Risponde Paolo Navale: … oppure necessità di contemplare lo zero della realtà trascendente che supera la dimensione spazio-temporale. Lo zero della realtà così come di fatto è, e non come noi osservatori pedissequi vittime del relativismo emotivamente fine a sé stesso  ci ostiniamo a vederla: non solo in arte. Coscienza universale che anche nella scienza non esclude il dettaglio, il particolare, il locale; anzi è dignificata attraverso quest’ultimo.

Conversazioni sul Buddismo. Paolo Navale. Londra. Islington 1985. Insieme a Noëlle Houston.