4) Franco Manconi: sul Surrazionale. 1982 - PAOLO NAVALE
387
post-template-default,single,single-post,postid-387,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

4) Franco Manconi: sul Surrazionale. 1982

4) Franco Manconi: sul Surrazionale. 1982

Franco Manconi: se le valenze del Surrazionale che dici tu si conciliano con una realtà soprasensibile, si concilierebbero anche con l’arte che ne deriva?

Paolo Navale: … ne deriva un atteggiamento interiore. Superato l’io, il non-io, vero frutto del sé, è certamente quello della conoscenza soprarazionale. Salvo voler ingannare il mondo con un belletto di superficie, il surrazionale significa la fine della commozione lacrimevole e del verismo classicista e non il suo ritorno in forme tutte occulte. Infatti a sostegno di questo ritorno alla neo-classicità, tale verismo richiede la mediocrità più insulsa, … l’abbiamo già detto!

Paolo Navale. Dialogo con Franco Manconi. Nuoro 1982.